I PALAZZI PISANI a Venezia: i Moretta e il ramo di Santo Stefano

dinastie e dimore di Venezia . I PISANI MORETTA di San Polo e i PISANI di Santo Stefano


un programma Itinerarte Studium

visita esclusive ai Palazzi Pisani Moretta e Pisani di Santo Stefano  (Conservatorio di musica “Benedetto Marcello”) 

venerdì 10 maggio, dalle 15:00 alle 19:00 


docenti: Domenico Salamino / Benedetta Fanciulli 


 

Tra gli esempi più notevoli della storia dell’architettura e dell’arte veneziana, il Palazzo Pisani Moretta a San Polo (già Bembo – Venier) rappresenta ancora oggi una delle testimonianze più straordinarie di continuità e monumentalità dinastica nella capitale della Serenissima.

Acquistato da Agnesina Venier e divenuto proprietà di Francesco Pisani Moretta nel 1629, non subito questo edificio fu oggetto di grandi interventi che dovranno attendersi almeno fino agli anni trenta-quaranta del Settecento quando, a seguito del matrimonio di Chiara Pisani Moretta con Gerolamo Pisani dal Banco, grandi risorse furono impegnate per abbellire e rinnovare con l’ausilio di alcuni dei più grandi maestri del tempo.

Un’oculata e intelligente gestione finanziaria consentì a Chiara di fare della sua dimora sul Canal Grande un’eccezionale cantiere: sotto la direzione di Giovanni Filippini si mise mano alla risistemazione della fabbrica, costruendo uno scalone monumentale che valorizzasse l’ascesa ai piani nobili e alla grande terrazza panoramica. All’inizio degli anni ’40 lavorano al palazzo Gianbattista Tiepolo e Antonio Zanchi, Giovanni Battista Piazzetta, Giuseppe Angeli; e poi Gaspare Diziani, Jacopo Guarana, gli stuccatori Ferrari.

Il Palazzo acquisì, entro gli anni ’60 del secolo, un aspetto nuovo, sontuoso, sofisticato e alla moda. Non mancavano oggetti preziosi e arredi di lusso; straordinaria pure la collezione d’arte e di antichità.

Caduta la Repubblica, gli eredi e discendenti hanno tentato di conservare e mantenere l’essenza monumentale ed eloquente del Palazzo di Casada. Molte opere mobili che un tempo adornavano le sale e i quartierini privati sono oggi dispersi o disseminati tra collezioni pubbliche e private, ma la lungimiranza dei discendenti si esprime nella conservazione eccellente delle memorie familiari e della mitologia dinastica di una delle più grandi e potenti famiglie del patriziato veneziano.

A differenza di Palazzo Pisani Moretta, il Palazzo Pisani di Santo Stefano è tutt’oggi aperto al pubblico come sede del Conservatorio di musica Benedetto Marcello, nel cuore del sestiere di San Marco. Nel 1728 la famiglia Pisani incaricò l’architetto Frigimelica di provvedere alla sopraelevazione e all’ampliamento del complesso. Il suo intervento comportò la distruzione del grande abbaino centrale, la sopraelevazione di un piano, la costruzione dei cortili interni e la decorazione. Alla caduta della Repubblica di Venezia, il palazzo presentava circa 200 vani. In questo periodo fu ospite del palazzo pure Gustavo III di Svezia, che affermò che mai avrebbe potuto ricambiare la sontuosa accoglienza ricevuta. Seguirono altre numerosissime trasformazioni: la pianta venne più volte rivista, le collezioni d’arte vennero asportate, l’intero complesso venne diviso in appartamenti d’affitto. Nel frattempo la famiglia proprietaria aveva infatti dovuto cedere grande parte del palazzo, rimanendo proprietaria solo dell’ala settentrionale. Nel 1880 la famiglia proprietaria si estinse. Nel 1940 l’edificio venne mutato in conservatorio. Straordinaria la vista dalla terrazza nel tetto, all’ultimo piano. 

Questa iniziativa è un contributo alla diffusione della conoscenza di un patrimonio che non è solo privato ma è anche sintesi dell’ultimo grande atto della storia della Repubblica. Una storia che non è terminata però con la sua caduta perché ha saputo perdurare nel tempo l’identità, le strategie di comunicazione, il monumento delle memorie rigenerate e ancora oggi vive.

 

 


PROGRAMMA
  • L1. online (lezione registrata) | 06 maggio 2024, h 17:30-19:30 | Domenico Salamino, I Pisani Moretta e il palazzo di San Polo sul Canal Grande. Storia, architettura e committenza. 

 

10 maggio, VISITA ESCLUSIVA A PALAZZO PISANI MORETTA, ingresso ore 15:30

10 maggio, VISITA ESCLUSIVA A PALAZZO PISANI in campo Santo Stefano, ingresso ore 17:30

 


 

Quote di partecipazione e attivazione del corso*

  • Quota lezione online + visita ai due Palazzi, soci Itinerarte Studium : euro 57,00
  • Quota lezione online + visita ai due Palazzi, NON soci Itinerarte Studium : euro 65,00**
  • Quota unica visita a solo uno dei due Palazzi: euro 35,00**

nb. la quota include i biglietti di ingresso ai due palazzi


 

un progetto 

>> associati a Itinerarte Studium <<

aderendo all’iniziativa, iscrivendosi versando la quota e inviando i propri dati necessari all’iscrizione si accettano le clausole delle condizioni di vendita della presente scheda corso, dei termini e condizioni generali di vendita del sito e quelle Privacy Policy  di Itinerarte RLT | Studium | **quota include il tesseramento Studium Club.


 

gallery

 


© Copyright 2017 – 2023 : www.pisanimoretta.com

Lezioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Praesent eu orci faucibus orci malesuada semper eget non tellus. Cras sed dignissim purus. Mauris varius neque leo, eu pellentesque justo venenatis et. Sed ultricies risus non turpis tempus, nec  nulla suscipit. In comdo urna eu turpis accumsan, et viverra mauris fringillaCras interdum 

Video 48 Min  + 2 Min read to complete

lezione prova

Docente: Domenico Salamino | La lezione vuole introdurre le visite a Palazzo. Si racconteranno le vicende dinastiche della famiglia Pisani, in particolare del ramo Pisani Moretta, e il ruolo di committenza assunto da alcuni esponenti di spicco tra Cinquecento e Settecento.  

DATA: 06/05/2024

START: 17:30

END: 19:30

La visita è attivata al raggiungimento del numero minimo di 12 iscritti. I dettagli saranno comunicati dalla Segreteria di Itinerarte.  

DATA: 10/05/2024

START: 15:00

END: 19:00

Condividi:

Contattaci

Itinerarte.it utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web.
Itinerarte.it utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web.