Siena 1300, la repubblica delle arti

un progetto Itinerarte Studium


conferenze online, 14 e 28 maggio; 04 giugno 2024

 


docenti: Domenico Salamino e Giordana Trovabene

 


 

Siena, tra le città più ricche e raffinate dell’Europa medievale, ancora oggi mantiene uno dei centri storici meglio conservati del continente. Di origine etrusca la città vide la sua massima espansione e floridezza in età gotica. Già dal XII secolo la città si dotò di una amministrazione comunale determinando l’emergere di molte fazioni capeggiate da magnati che direzionarono alla parte ghibellina. Vicinissima allo Stato Pontificio e in continua frizione con Firenze – celebri le battaglie di Montaperti (1260) ricordata da Dante, e quella di Colle Val d’Elsa del  1269 – sotto il Governo dei Nove anche Siena passò alla parte guelfa. Fu l’inizio dell’età della prosperità che dovette subire un colpo notevole solo un secolo più tardi, in occasione della Grande Peste del 1348. 

Nel Duecento dunque esponenti delle più grandi famiglie magnatizie  – Piccolomini, Malavolti, Buonsignori e Chigi  – diedero vita a una delle compagnie finanziarie più potenti del tempo tanto da far divenire la loro una vera e propria città bancaria, la più prossima, come si diceva, alla curia romana. Repubblica fierissima e turbolenta, tra il 1280 e il 1355 fu retta principalmente dall’Arte della Lana e dai banchieri. Come i commerci e le reti finanziarie, anche il territorio si espanse creandosi così un dominio tra Roma e Firenze fatto di feudi locali controllati e difesi. 

Della eredità romanica, federiciana e bizantina la cultura senese seppe tenere quanto necessario senza intralcio alle raffinatissime invenzioni ed evoluzioni ‘franzesi’ e internazionali. L’interesse verso il colorismo e le eleganze compositive virarono presto dalla solennità duccesca alla narrativa lorenzettiana al cortese martinese. 

Intorno alla straordinaria fabbrica del Duomo dove agli inizi della seconda metà del Duecento lavorarono i Pisano e dove poi Duccio di Buonisegna lascerà la sua straordinaria Maestà, le superbe vetrate; ed intorno pure alle committenze del Palazzo Pubblico e delle cappelle gentilizie cittadine, si svolgerà la grande, straordinaria stagione della prima scuola senese.


Queste tre lezioni sono propedeutiche all’itinerario Studium che si svolgerà a Siena da giovedì 06 a  domenica 09 giugno 2024.  La frequenza alle tre lezioni è consentita a tutti gli interessati indipendentemente dalla partecipazione all’itinerario Studium.

 

PROGRAMMA E DETTAGLI DELLE LEZIONI NELLE SCHEDE IN FONDO ALLA PAGINA


 

Quote di partecipazione soci Itinerarte Studium *

  • quota intera 3 lezioni online:  66,00 euro 
    • quota solo 1 lezione online: 26,00 euro

Quote di partecipazione NON soci Itinerarte Studium*

  • quota intera 3 lezioni online:  80,00 euro (comprensivo di tesseramento Itinerarte Studium) 
    • quota solo 1 lezione online: 26,00 euro 

 

Per la partecipazione all’Itinerario Studium a Siena CLICCA QUI

 


 

Per iscriversi a Itinerarte Studium e fruire dei vantaggi e sconti sulle iniziative 

CLICCA QUI.

 


info e preiscrizioni:

itinerarte.studium@itinerarte.it

 

 

UN PROGETTO 


 

 

 

 

 

Classificazione corso

conferenze Itinerarte Studium

Lezioni

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Praesent eu orci faucibus orci malesuada semper eget non tellus. Cras sed dignissim purus. Mauris varius neque leo, eu pellentesque justo venenatis et. Sed ultricies risus non turpis tempus, nec  nulla suscipit. In comdo urna eu turpis accumsan, et viverra mauris fringillaCras interdum 

Video 48 Min  + 2 Min read to complete

lezione prova

Condividi:

Contattaci

Itinerarte.it utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web.
Itinerarte.it utilizza i cookie per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web.